Certificato medico per attività sportiva non agonistica.

Sono considerate attività sportive non agonistiche, quelle effettuate:

– da coloro i quali svolgono attività organizzate dal CONI, da società sportive affiliate alle Federazioni Sportive Nazionali, alle discipline associate, agli Enti di Promozione sportiva riconosciuti dal CONI;

– da coloro i quali partecipano ai Giochi sportivi studenteschi nelle fasi precedenti a quella nazionale;

– dagli alunni che svolgono attività fisico-sportive organizzate dagli organi scolastici nell’ambito delle attività parascolastiche (non, quindi, l’educazione motoria curriculare).

I certificati per l’attività sportiva non agonistica continuano a poter essere rilasciati dai medici di medicina generale e dai pediatri di libera scelta, relativamente ai propri assistiti, nonché dai medici specialisti in medicina dello sport ovvero dai medici della Federazione Medico Sportiva Italiana del CONI.

Gli esami clinici necessari ai fini del rilascio del suddetto certificato medico, risultano essere:

– anamnesi ed esame obiettivo, completo di misurazione della pressione arteriosa;

– elettrocardiogramma a riposo, debitamente refertato, effettuato almeno una volta nella vita;

– elettrocardiogramma basale debitamente refertato con periodicità annuale per coloro che, a prescindere dall’età, hanno patologie croniche conclamate, comportanti un aumentato rischio cardiovascolare.

I bambini del minirugby regolarmente tesserati rappresentano la categoria non agonisti ovvero non in età agonistica, dovranno eseguire l’elettrocardiogramma.